coordinamento

Se vuoi vedere una balena

SE VUOI VEDERE UNA BALENA

alt

TESTI: Julie Fogliano

ILLUSTRAZIONI: Erin E. Stead

TRADUZIONE: Cristina Brambilla

CASA EDITRICE: Babalibri

ETÀ: 4 +

PREZZO: 12,50 €

In libreria, uno dei commenti più frequenti a questo libro sarà certamente «ma non è un libro per bambini!»: che cosa è quindi un (buon) libro per l’infanzia? Senza voler dare in poche righe una risposta a una domanda tanto complessa, possiamo cercare di capire se questo splendido albo illustrato ne ha alcune caratteristiche. Innanzitutto deve essere un libro accessibile ma ricco nei contenuti: Se vuoi vedere una balena usa un linguaggio semplice per proporre al lettore pensieri e immagini, testuali prima che visivi, tutt’altro che banali; accennandoli con poche parole Julie Fogliano crea nel lettore l’impressione che i concetti siano chiari e alla portata, laddove però il livello della semplice comprensione del testo è il punto di partenza di un percorso potenzialmente lunghissimo; sulle parole si innestano infatti immediatamente le immagini, che pur essendo sicuramente illustrative (fuorché nelle ultime due pagine) aprono a una serie di suggestioni e percorsi alternativi al testo, pur rafforzandolo.
Un libro per l’infanzia inoltre deve essere un libro di movimento. Qui la faccenda si complica, perché Se vuoi vedere una balena non ha una struttura narrativa, nonha una vera e propria storia da raccontare. La capacità quindi di creare un movimento nel lettore attraverso una riflessione poetica è una delle ragioni principali che ne fa il nostro libro del mese (e

forse anche qualcosa in più!). A un primo livello, il movimento è suggerito dallo spostamento, e non è un caso se l’immagine scelta per la copertina raffiguri il bambino nell’atto di remare su una piccola barca gialla. Il movimento va ovviamente da sinistra verso destra, in avanti. Si tratta però solo di una metafora, perché il vero movimento si produce a livello emotivo. L’effetto è ottenuto attraverso un ritmo che, partendo abbastanza sostenuto, tende mano a mano a rallentare, fin quasi a fermarsi, per poi offrire una repentina accelerazione nel finale, in cui le parole mano a mano si ritirano fino a scomparire, lasciando alle immagini il compito di risolvere la questione tra la penultima e l’ultima pagina, per poi chiudere l’esperienza nella quarta di copertina. Proprio in questo passaggio, volendo trovare un neo al libro, dovremmo fare un piccolo appunto: ci saremmo aspettati qualcosa in più dai risguardi di un libro peraltro così ben curato nel rapporto tra testo e illustrazioni.
Un libro per l’infanzia poi deve offrire strumenti per la comprensione del mondo; tali strumenti sono parole e immagini in grado di offrire una visione del mondo e di rimetterla in discussione (o farcomprendere al lettore di poterlo fare). Se vuoi vedere una balena è esattamente questo. Per questa ragione quello della comprensione razionale del libro è un falso problema: questo albo illustrato è in grado di offrire al lettore di ogni età un’esperienza, a partire dalla quale fare una serie pressoché infinita di inferenze, ognuno secondo la propria esperienza di vita. Per questo si tratta di un libro per tutti, come dovrebbe essere ogni buon libro per l’infanzia.

 

Librieformiche.it in questo sito usa i cookies per ottimizzare e facilitare la navigazione e per consentire l'uso del nostro shopping on line. Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.